Ecco le caratteristiche dei prestiti

I prestiti possono essere divisi in diverse categorie:
I prestiti personali (che non sono prestiti finalizzati), i prestiti dipendenti (anche detti cessione del quinto dello stipendio) il prestito auto o moto, i mutui (che fanno parte dei prestiti finalizzati) e i prestiti ottenuti dalle carte di credito.
Per ognuno di questi casi si hanno condizioni e caratteristiche diverse, adatte alle varie richieste del mercato.

Cosa sapere sulle varie tipologie di prestito

Al giorno d'oggi tutti chiedono dei prestiti, perché in questo modo ci si può permettere di comprare beni subito, senza dover aspettare di aver guadagnato una cifra sufficiente all'acquisto.

Ogni tipologia di prestito ha caratteristiche diverse. Di seguito compariamo il prestito personale al prestito auto.

Le caratteristiche del prestito personale:

  • Si tratta di un prestito non finalizzato, ovvero non direttamente collegato all'acquisto di un bene specifico. Di conseguenza non richiede la presenza di garanzie reali come ad esempio l'ipoteca.
  • Viene rimborsato secondo un piano d'ammortamento a rate costanti.
  • Gli importi finanziabili possono variare da un minimo di poche centinaia di euro ad un massimo di 30.000 euro (e a volte anche oltre).
  • Non c'è la presenza di un dealer o intermediario, quindi i soldi vengono dati direttamente a chi richiede il prestito.
Le caratteristiche del prestito auto:
  • Il prestito auto è un prestito finalizzato, e vede il bene acquistato come garanzia.
  • E' caratterizzato da un tasso di interesse fisso a rate costanti.
  • Il prestito viene concesso al dealer, che è convenzionato con un determinato istituto di credito.
Le differenze tra questi due tipi di prestito, che spesso vengono confusi, sono evidenti, anche se in entrambi i casi le rate sono costanti e gli importi sono simili.

Liquidità prestiti: la liquidita che serve per un acquisto importante

Hai bisogno di liquidi per comprare un'auto nuova, la barca dei tuoi sogni, un mobile prezioso per rendere ancora più bella la tua casa?

Anche in questo caso, la tua soluzione è chiedere un prestito, di liquidità, appunto.

Per definizione, la liquidità è la disponibilità di mezzi di pagamento in contanti a brevissimo termine, ovvero la disponibilità immediata di denaro contante e/o di diverse altre forme di Titoli di Pagamento (nominali o al portatore), equivalenti, ma comunque monetizzabili immediatamente.

Nei prestiti di liquidità la somma erogata non è finalizzata ad un utilizzo predefinito, ma serve a costituire una riserva di liquidità per il debitore. Per questo motivo, bencé siano molto diffusi, le bance e le finanziarie sono più restie a erogarli rispetto al credito al consumo finalizzato all'acquisto di un certo bene, perché può essere poco chiara la destinazione della somma erogata e non ci sono beni che possano fungere da garanzia.

Come per qualsiasi altro tipo di finanziamento (o prestito) consulta diversi istituti e valuta più preventivi. Dovrai richiedere dei preventivi dettagliati, con l'importo del finanziamento, il numero di rate, il tasso nominale applicato, le spese della pratica e il TAEG.
Sarà proprio quest'ultimo parametro a determinare la tua scelta: il preventivo migliore sarà quello che presenterà il TAEG più basso, a parità delle altre condizioni.

Per TAEG si intende il tasso annuo effettivo globale, ovvero si tratta del tasso che esprime il costo effettivo di un prestito personale, tenendo conto anche delle spese, della periodicità delle rate e della durata.